Wellness 4 Fashion News

 

Pagina: 1 di 1
1

 


Doping Legale

5.000 chilometri, 40.000 metri percorsi a diverse altitudini, 40 partecipanti. Race Across America, la più difficile corsa in bici al mondo, parte a giugno. Uno degli ostinati partecipanti è il ciclista estremo austriaco Gerald Bauer. I requisiti fondamentali per la preparazione sono: fiducia in se stessi, fermezza e HYPOXI®.

La frase “Olympics of extreme endurance sports” (Olimpiadi degli sport di durata estrema) coniata da Race Across America (RAAM) è stata coniata per una buona ragione. La corsa ciclistica annuale parte dalla costa occidentale e arriva alla costa orientale degli USA ed è considerata l’evento sportivo più estremo al mondo.

Il campionato Ironman delle Hawaii, ad esempio, è classificato al 14° posto. Solo una persona su due dei 40 partecipanti raggiunge l'arrivo nella cittadina di Oceanside. Se vuoi cogliere la sfida, per prima cosa devi qualificarti.

Una delle poche persone qualificate è l'austriaco Gerald Bauer. Il 32enne è stato ciclista entusiasta per dieci anni, ma solo per la versione estrema di questa disciplina. Ha dominato in 21 corse da 24 ore, in cui è salito sul podio 17 volte e per 12 volte ha guadagnato l'oro. Quando prese parte per la prima volta alla seconda corsa più lunga al mondo, la Race Around Austria, arrivò secondo. La RAAM può ora suggellare la sua carriera di atleta, almeno per quanto riguarda il puro ciclismo, poiché desidera prendere anche parte alla competizione Ironman alle Hawaii e scalare una delle montagne più alte al mondo.

Se anche tu desideri raggiungere simili obiettivi, devi allenarti, continuare gli allenamenti e ancora allenarti. Ma dal momento che abbiamo a disposizione solo 24 ore in una giornata e anche il tempo dedicato al recupero è fondamentale, alcuni atleti raggiungono il massimo delle prestazioni troppo in fretta.

Allenamenti più efficaci grazie a HYPOXI®
Gerald Bauer ha utilizzato HYPOXI® per la prima volta nel 2011 presso il centro olimpico di Salzburg-Rif, dove lavora come allenatore degli atleti austriaci. Non utilizza l’apparecchio per i vantaggi tradizionali legati alla perdita di peso (il che è difficile da immaginare in questo caso), ma per un motivo completamente diverso: per la rigenerazione e l’aumento dell’efficienza atletica. Una vera rivoluzione! Ma cosa si nasconde dietro tutto questo? Forse un nuovo prodotto HYPOXI®?
Gli effetti di HYPOXI®, rivoluzionari per gli atleti, sono il risultato della ricerca svolta in collaborazione con gli scienziati Russi, sotto la guida del Dott. Igor Pron. Questa nuova versione di HYPOXI® include una diagnostica computerizzata delle prestazioni, nonché una riabilitazione e una rigenerazione ad alta efficacia. "Ogni giorno facciamo esami ECG per monitorare gli attuali standard delle prestazioni dell'atleta e utilizziamo questi dati per pianificare l’allenamento”, spiega Bernd Eckerstorfer, CEO di HYPOXI® e aggiunge che “HYPOXI®, insieme a un costante controllo elettrocardiografico, costituisce una strategia estremamente utile per la rigenerazione dopo gli allenamenti”. La cosa importante si trova nel periodo fondamentale di recupero tra le unità di allenamento che viene incredibilmente ridotto grazie a HYPOXI®. Gli atleti non saranno pertanto solo in grado di recuperare prima, ma anche l’intensità dell’allenamento può essere costantemente incrementata: in questo modo è possibile raggiungere progressi straordinariamente elevati in un tempo relativamente breve. “Il segreto si nasconde nell'effetto stimolante di HYPOXI®”, afferma Bernd Eckerstorfer. “Il metodo stimola il metabolismo e aiuta la rimozione delle tossine che si depositano nei muscoli durante gli allenamenti quotidiani, in modo che possano essere trasportate più rapidamente".

Un effetto positivo dell’utilizzo di HYPOXI®: lesioni provocate dall’allenamento si rimarginano prima e, se HYPOXI® viene utilizzato regolarmente, il rischio di lesioni si riduce in maniera significativa.

Già nella fase di sviluppo, più di 400 atleti russi (tra loro campioni del mondo ed europei di sci, ginnastica, pentathlon, scherma, atletica leggera, hockey sul ghiaccio e sci di fondo) hanno utilizzato HYPOXI®. I risultati sono stati sorprendenti e chiari: prestazioni migliorate in maniera significativa e sostenibile grazie alla rapida e profonda rigenerazione offerta da HYPOXI®.
Alla RAAM con HYPOXI®

Gerald Bauer non vuole avere nulla a che fare con il doping. HYPOXI® offre una nuova, legale, soluzione che può far realizzare il sogno della RAAM. Ha utilizzato HYPOXI® per circa un anno come parte del suo allenamento intensivo (maggiori informazioni nell’intervista presente in questa pagina). Per questo motivo HYPOXI®-Center di Salisburgo è stata lieta di supportarlo come sponsor gold. Bauer è in buone mani per la conduzione di questa grande corsa.

Informazioni rapide Gerald “Geri” Bauer

Nato il: 19 ottobre 1980 - Altezza: 1,78 m / Peso: 68 kg

Situazione familiare: Non sposato, ma non single: la sua fidanzata Tina Pracher è anche la sua team leader non ufficiale.

Formazione: ha studiato atletica presso l'Università di Salisburgo (scienze sportive)
Occupazione: allenatore presso il Centro olimpico Salzburg-Rif Athletic
Risultati (tra gli altri):
2012: record di Transaustria (corsa Ovest-Est più
veloce in 22 ore e 13 minuti)
2011: secondo posto alla corsa in MTB di 24 ore
presso il Munich Olympiapark. Secondo posto al
Race Around Austria
2010: secondo posto a Glocknerman (Vize world
Champion Ultra Bike Marathone), 1. Maratona di Firenze (2 ore e 59 minuti)

• Intervista

Il mio sogno americano

11 giugno 2013: per molti di noi è un martedì come un altro, ma non per Gerald Bauer che realizzerà un sogno lungo una vita all'avvio della Race Across America (RAAM). Abbiamo incontrato questo ciclista estremo nel corso della sua preparazione intensiva.

Come sta Gerald?
Benissimo, grazie. Sto facendo allenamenti intensivi (fino a 40 ore a settimana), ma sta andando molto bene.

Qual è la tua speranza per la RAAM 2013?
Ovviamente spero di vincere, come tutti gli altri partecipanti. Ma è una speranza abbastanza ambiziosa, perché significherebbe che sarei uno dei primi "esordienti” a riuscire in tale impresa e dovrei correre al mio limite massimo dall'inizio. Per una corsa di una simile durata e con tali condizioni climatiche estreme, bisogna avere più esperienza e aver quindi alle spalle almeno tre o quattro tentativi per vincere. Se parto troppo velocemente rischio di non arrivare alla fine. Quindi sono realistico e spero di diventare “l’esordiente dell’anno” o di completare la corsa entro 9 giorni. Questo significa pedalare per 500-550 chilometri al giorno per 22 ore non-stop con due ore di pausa. Dormirò al massimo 1-1½ ogni giorno e nient’altro che un pisolino energizzante o “pisolino Bauer” come lo chiamo io.

Da dove proviene la tua sicurezza nel riuscire a gestire tutto questo?
Sono stato ciclista estremo per 10 anni e ho già sostenuto simili distanze giornaliere, ad esempio durante la Race Around Austria per cinque giorni. Questo tipo di attività non ha avuto alcun impatto negativo su di me, sia dal punto di vista fisico che mentale. Per fortuna non ho mai sperimentato il famigerato micro-sonno o allucinazioni su bici, cosa che si può verificare. Ad esempio, alcuni ciclisti credono di vedere dei serpenti sulla strada, in realtà stanno semplicemente crollando. Altri credono di essere stati colpiti da funghi con un mitra! Cose strane! In tutto, mi sono preparato per tre anni. Essendo uno scienziato dello sport, posso creare un ambiente perfetto: il team, i piani di allenamento e le misure di rigenerazione si completano perfettamente. Ad esempio, mi alleno in strutture a infrarossi, utilizzate per ricreare temperature desertiche superiori ai 50° C. Inoltre affronto alcuni scenari di corse precedenti con un coach mentale.

Hai appena parlato di rigenerazione nel contesto dell’allenamento. HYPOXI® gioca un ruolo significativo per te, puoi spiegarlo?
Ho lavorato con HYPOXI® per circa un anno. Dopo circa sei o sette ore di allenamento, termino con una sessione di HYPOXI-Trainer® S120. Richiede 25 minuti di
pedalate di recupero con pressione positiva e negativa applicata conformemente al mio livello di prestazioni della giornata. Ho notato che i micro-traumi dei muscoli si rigenerano più rapidamente con HYPOXI®. Una sessione di HYPOXI® ha il medesimo effetto un intero giorno di recupero. Ecco perché riesco ad allenarmi di più senza dover entrare nella tenda a ossigeno, anche per un periodo prolungato di tempo. Inoltre, riesco ad aumentare l’orario di allenamento dalle 20 alle 40 ore entro tre settimane grazie al programma di rigenerazione impostato da HYPOXI®. È una sensazione completamente nuova e un vero regalo per me. In genere, dopo un estenuante giorno di allenamento, sono esausto, ma ora posso alzarmi la mattina successiva alle sei e allenarmi per l’intera giornata. Le mie possibilità per la RAAM sono aumentate significativamente.

HYPOXI® è stato pensato per persone che desiderano perdere peso. Quale parallelismo esiste tra queste persone e gli atleti come te?
HYPOXI® non solo aiuta la forma fisica ma ha effetti positivi sull’intero corpo. Questo accade perché HYPOXI® stimola il metabolismo. Dopo HYPOXI-Training® ci si sente semplicemente meglio, si ha una sensazione di formicolio in tutto il corpo e che spesso resta fino al giorno successivo. All’inizio ero abbastanza scettico, ma dopo un anno e mezzo la mia opinione è completamente cambiata e HYPOXI® mi ha aiutato tantissimo, anche dal punto di vista mentale.

Ora che parteciperai alla RAAM, hai anche avviato un progetto di beneficenza.
Sì, è vero. Vendo ogni chilometro per dieci euro, sia agli sponsor che a privati. Di questa somma, un euro verrà utilizzato per una buona causa. Questo significa che potete fare qualcosa di buono e consentirmi allo stesso tempo di proseguire il mio sogno. Grazie alla donazione è possibile vincere bellissimi premi, ad esempio la bici che utilizzerò durante la RAAM o una settimana di allenamento rilassante con me. In aggiunta, nei biglietti è incluso un voucher per trattamenti HYPOXI®. È mio desiderio creare una comunità che sarà con me online lungo il percorso e mi motiverà. Questo progetto ha già funzionato in passato.

Grazie per il tuo tempo. Ti auguriamo il meglio e speriamo che tu sia il primo esordiente a raggiungere l’arrivo al meglio delle condizioni.

 


Postato il: 13/06/2013 14:30:10

 

 

 

 

Pagina: 1 di 1
1